_Tutte le notizie

Class Action trasporti

CONFARTIGIANATO CUNEO SUPPORTA LE IMPRESE NELL’AZIONE COLLETTIVA PER IL RECUPERO DEL SOVRAPPREZZO DEL CARTELLO EUROPEO AUTOCARRI

Siamo al rush finale per la class action delle imprese di autotrasporto merci contro i produttori di camion, condannati dall’Unione europea per aver fatto cartello e alterato almeno del 15% i prezzi dei mezzi superiori a 6 tonnellate.

Le aziende hanno tempo fino al 31 Dicembre per aderire all’azione legale collettiva avviata da Confartigianato Trasporti che consentirà loro, senza rischi, di recuperare i maggiori costi imposti dai costruttori per l’acquisto, il noleggio e l’utilizzo in leasing di veicoli nuovi e usati.

Come previsto dalla commissione EU, il mercato alterato dal cartello dei produttori è quello degli autocarri medi da 6 a 16 tonnellate e dei mezzi pesanti oltre le 16 tonnellate nel periodo tra il 17 gennaio 1997 e il 18 gennaio 2011, con possibili effetti anche nei periodi successivi.

Al fianco di Confartigianato, nell’azione risarcitoria collettiva, vi è il Fondo Omni Bridgeway, specializzato nel contenzioso antitrust a livello internazionale.

Le aziende per aderire all’iniziativa dovranno solamente inviare ai nostri uffici:

  • la documentazione comprovante l’acquisto (fattura) o il leasing (contratto) dei veicoli (se possibile con i relativi pagamenti);
  • l’eventuale libretto di circolazione e la documentazione riguardante l’eventuale vendita / permuta / riscatto / rottamazione / esportazione dell’autocarro;
  • copia del documento d’identità del/i legale/i rappresentante/i dell’impresa che ha acquistato il/i veicolo/i;
  • contatti e-mail e telefono del/i legale/i rappresentante/i dell’impresa che ha acquistato il/i veicolo/i;
  • una visura camerale, anche non recente, purché successivamente al rilascio non sia intervenuta alcuna modifica (noi poi scaricheremo la Visura in inglese che dobbiamo allegare e non dev’essere più vecchia di 30 GG dalla data di invio della pratica).

Compila il Form o contatti i nostri uffici al numero 0171/451111 per ulteriori informazione e non perdere questa possibilità, c’è tempo solo fino al 31-12-2020 per inviare la documentazione.

Facendo seguito alle precedenti comunicazioni in merito, Confartigianato Imprese Cuneo è disponibile a supportare le imprese che intendono partecipare all’azione risarcitoria europea contro il cartello attuato dalle seguenti case produttrici di camion: Volvo/Renault, Man, Daimler/Mercedes, Iveco, DAF e Scania, che insieme rappresentano il 90% del mercato europeo.

Si consideri che la Commissione Europea ha già imposto loro un’ingente ammenda, pari a 3,81 miliardi di Euro, con l’accusa di aver realizzato e portato avanti per ben 14 anni un patto sul sovrapprezzo degli automezzi (prezzi incrementati del 15%) dal 1997 al 2011.

Hanno potenzialmente diritto al risarcimento ed al recupero del sovrapprezzo pagato:

  • le società di autotrasporto e le imprese che hanno acquistato (o avuto in leasing) i propri autocarri (sia conto terzi che contro proprio)
  • gli autocarri devono essere da almeno 6 tonnellate
  • devono essere stati acquistati dai costruttori coinvolti: Volvo/Renault, Man, Daimler/Mercedes, Iveco, DAF e Scania
  • l’acquisto deve essere avvenuto nel periodo che va da gennaio 1997 a gennaio 2011, secondo le specifiche riportate nella seguente tabella:

Per poter recuperare tali somme, Confartigianato Imprese a supporto dei propri associati ha aderito ad un’azione risarcitoria collettiva europea la Trucks Cartel Compensation”, già instaurata da anni davanti al Tribunale di Amsterdam dalla Omni Bridgeway, il più longevo litigation fund internazionale, con i seguenti vantaggi:

  • Nessuna spesa Legale: l’azione risarcitoria non comporta il pagamento di nessuna spesa legale per chi invierà la pratica con Confartigianato, la Fondazione tratterrà, in caso di esito positivo del rimborso, il 27,5% sull’intera somma recuperata a titolo di compenso e recupero spese. 
  • Nessun Rischio: l’azione risarcitoria verrà fatta in nome e per conto delle imprese aderenti da una Fondazione appositamente costituita da Omni Bridgeway, che sosterrà tutte le spese legali e gestirà direttamente l’azione, sollevando gli autotrasportatori aderenti dai rispettivi oneri.
  • Garanzia Legale e Professionale: la Fondazione Omni Bridgeway, assistita dallo studio legale Loyens & Loeff, uno dei primari studi legali internazionali per azioni di risarcimento del danno da cartello, sarà supportata da un team di economisti di CEG, società di consulenza internazionale, che valuterà il danno incorso. Lo studio legale Osborne & Clarke Italia assisterà le Associazioni italiane e Omni Bridgeway negli aspetti di diritto italiano.

Confartigianato Imprese Cuneo è disponibile gratuitamente per fornire l’assistenza necessaria alle imprese associate interessate ad aderire all’azione collettiva risarcitoria europea e a presentare la richiesta di recupero del sovrapprezzo.

Compila il form e verrai ricontattato dai nostri uffici, che ti spiegheranno come far parte della class action