Confartigianato Cuneo su Decreto Dignità: PMI a rischio

«Il “Decreto Dignità”, il primo atto organico del Governo Conte in tema di economia e lavoro, contiene disposizioni che preoccupano artigiani, commercianti e piccole imprese e deludono le aspettative di una reale virata delle politiche del lavoro e fiscali in grado di favorire un’accelerazione dei livelli di crescita».

Questo il commento di Luca Crosetto, presidente di Confartigianato Imprese Cuneo, dopo i primi giorni di operatività del decreto.

Dai dati ricavati da una recente indagine condotta dall’Associazione degli artigiani, emergono con chiarezza i limiti del testo legislativo, con una previsione di riduzione dei posti di lavoro, a seguito dell’irrigidimento della normativa riguardante la reintroduzione della cosiddetta “causale” nei contratti a tempo determinato.

Il nuovo decreto prevede altresì una restrizione per le imprese sull’utilizzo del lavoro interinale che, in alcuni casi, risulta funzionale all’attività fornita dalle aziende stesse – si pensi ad esempio alle imprese di pompe funebri con i portantini, oppure alle aziende della ristorazione.

«Riteniamo non si debba demonizzare l’assunzione a tempo determinato, – prosegue Crosetto – creando troppe difficoltà nella sua applicazione. In una realtà come è l’attuale, caratterizzata dall’incertezza dei mercati e da una sempre più spiccata flessibilità richiesta alle aziende, risulta quanto meno anacronistico imporre ai datori di lavoro imprenditori l’onere di assicurare, sempre e ovunque, il “posto fisso” ai propri dipendenti. Più in generale, segnaliamo che ancora una volta il provvedimento sembra stato fatto senza tener conto delle reali condizioni del Paese, caratterizzato da situazioni differenti: l’Italia è fatta da grandi città e grandi imprese, certo, ma anche di piccoli centri e piccole aziende. E proprio alle piccole e medie imprese, da sempre asse portante dell’economia nazionale e locale, che la Politica dovrebbe prestare maggiore attenzione, peraltro in aderenza ai dettami europei dello Small Business Act che recita proprio “Think Small First”, “pensare anzitutto in piccolo”».

«Auspichiamo – conclude Crosetto – che in sede di conversione del testo, in discussione in questi giorni, vengano apportati i correttivi richiesti dalle associazioni imprenditoriali e nei prossimi mesi venga realmente affrontato il nocciolo della questione, cioè la riduzione del “cuneo fiscale”, a vantaggio sia delle imprese che dei lavoratori. Voglio ricordare come il costo del lavoro incida per più del 40% rispetto alla retribuzione lorda. Un tema dichiarato prioritario da ogni Governo negli ultimi anni, ma sul quale non si sono prodotti risultati significativi. Sarà questa la volta buona?».

Scarica il Comunicato Stampa (MS Word)



Notizia pubblicata in: 

Condividi

Related Posts

© 2018 Confartigianato Imprese Cuneo - Via I Maggio, 8 - 12100 Cuneo - tel. 0171 451111 - Codice Fiscale 80000330045