Blocco dei Diesel Euro 3: ottenuta una proroga

Forte azione sindacale di Confartigianato:
“Chiediamo certezze a salvaguardia delle imprese e a garanzia dei cittadini

 

A poche ore dall’entrata in vigore, prevista per il 1° ottobre, sono “slittati” i divieti “anti smog” in Regione Piemonte.

La proroga a seguito della decisone da parte della Regione di inserire alcune deroghe per esentare dal divieto determinate categorie, tra cui le imprese artigiane. Giovedì 4 ottobre si riunirà il tavolo delle autorità locali per decidere la nuova tempistica.

Nei mesi scorsi Confartigianato, assieme alle altre associazioni aderenti a Rete Imprese Italia Piemonte, era intervenuta con determinazione sul tema, soprattutto per evitare che fossero i Comuni a dover legiferare in merito, con la possibilità di creare situazioni “a macchia di leopardo”.

«Concordiamo – afferma Giorgio Felici, presidente Confartigianato Piemonte vicepresidente vicario Confartigianato Cuneo – sulla necessità di attivare politiche ambientali rivolte al miglioramento della qualità dell’aria, tuttavia riteniamo fondamentale che l’Ente regionale sviluppi una strategia comune e condivisa con gli Enti Locali, al fine di permettere una situazione uniforme, sostenibile per le imprese e a reale beneficio dei cittadini».

«Inoltre – prosegue Felici – tenuto conto del numero ingente di automezzi interessati dal divieto di circolazione, è indispensabile garantire la prosecuzione di alcuni servizi essenziali per la comunità, quali taxi, commercianti ambulanti, interventi urgenti o correlati a reperibilità e manutenzione di immobili o impianti, trasporto merci in conto terzi, lavoratori residenti in luoghi non serviti da mezzi pubblici».

«Auspichiamo – aggiunge Luca Crosetto, presidente provinciale Confartigianato Cuneo – che la deroga permetta una più funzionale definizione di blocchi e permessi. Con visione prospettica, evidenziamo l’urgenza di approntare e rendere operativo uno strumento pluriennale adeguato, volto a favorire la sostituzione degli autoveicoli più inquinanti, che abbini un significativo contributo in conto capitale con interventi finanziari sostenuti da adeguate forme di garanzia».

Scarica il Comunicato (MS Word)



Condividi

Recent Posts

© 2018 Confartigianato Imprese Cuneo - Via I Maggio, 8 - 12100 Cuneo - tel. 0171 451111 - Codice Fiscale 80000330045