Marcatura CE

Marcatura CE – Serramenti

MARCATURA CE “Finestre e porte pedonali esterne – norma di prodotto, caratteristiche prestazionali” UNI EN 14351-1
Con la pubblicazione della Direttiva 89/106/CEE del Consiglio, del 21 dicembre 1988 si è andato affermando il principio per cui è compito della Unione Europea garantire la libera circolazione di tutti i prodotti da costruzione mediante l’armonizzazione delle legislazioni nazionali nel campo dei requisiti essenziali per tali prodotti in materia di salute, di sicurezza e di benessere.

La norma di prodotto UNI EN 14351-1 riporta i requisiti previsti per la marcatura CE delle finestre e delle porte pedonali esterne.

A seguito della pubblicazione della norma di prodotto in Gazzetta Ufficiale sono stati resi noti i tempi per il passaggio dal vecchio al nuovo sistema:
– 01/02/2007: inizio periodo di coesistenza di prodotti commercializzati con marchio CE e di prodotti commercializzati senza marcio CE- 01/02/2009: fine del periodo di coesistenza; al termine di tale periodo, potranno essere immessi sul mercato solo prodotti marcati (prorogata per i serramenti al 1 febbraio 2010)

Dal 1 febbraio 2010 è obbligatoria la certificazione dei serramenti CE – Risoluzione CEN/TC 33 del 24 ottobre 2008 .Direttive 89/106/CE ; 98/37/CE; 89/336/CE . UNI EN 14351-1 2006

La marcatura CE significa

  • che sono soddisfatti i requisiti essenziali di tutte le direttive applicabili al prodotto
  • che sono state svolte sul prodotto su tutte le prove e le verifiche richieste dalle specifiche norme tecniche
  • il prodotto è abilitato all’immissione sul mercato Europeo
  • il consumatore è assicurato sull’idoneità del prodotto relativamente ai requisiti di sicurezza e salute.

Consorzio CAPD

 


Marcatura CE – Legno strutturale

MARCATURA CE LEGNO STRUTTURALE E DIRETTORE TECNICO DI PRODUZIONE LEGNO MASSICCIO E LAMELLARE

Con l’entrata in vigore delle NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI DM 14-01-08 (1° luglio 2009), i produttori e trasformatori di legno massiccio o lamellare ad uso strutturale sono obbligati a richiedere al Servizio Tecnico Centrale la qualifica come centro di produzione o trasformazione di legno massiccio e/o lamellare.

In dettaglio l’azienda per ciascun stabilimento, deve comunicare al STC:

  • l’individuazione dello stabilimento cui l’istanza si riferisce;
  • il tipo di elementi strutturali che l’azienda è in grado di produrre;
  • l’organizzazione del sistema di rintracciabilità relativo alla produzione di legno strutturale;
  • l’organizzazione del controllo interno di produzione, con l’individuazione di un “Direttore Tecnico della produzione” qualificato alla classificazione del legno strutturale;
  • il marchio afferente al produttore (in seguito denominato “marchio del fornitore”) specifico per la classe di prodotti “elementi di legno massiccio per uso strutturale”.

Con frequenza annuale i produttori/trasformatori sono tenuti ad inviare al Servizio Tecnico Centrale, ogni anno, i seguenti documenti:

a) una dichiarazione attestante la permanenza delle condizioni iniziali di idoneità della organizzazione del controllo interno di qualità o le eventuali modifiche;

b) i risultati dei controlli interni eseguiti nell’ultimo anno, per ciascun tipo di prodotto, da cui risulti anche il quantitativo di produzione.

 

A livello comunitario, dal 01 gennaio 2012, vi è l’obbligatorietà della marcatura CE del prodotto: “Legno massiccio” che va fatta secondo la norma armonizzata UNI EN 14081-1.

Mentre per la produzione di legno lamellare dal 01 aprile 2011 è obbligatorio a marcatura CE secondo la norma armonizzata UNI EN 14080-1

Per poter mettere il marchio CE sul prodotto è necessario che a cadenza annuale un ente notificato (accreditato dal ministero) effettui una verifica ispettiva, programmata, in modo da comprovare che i requisiti iniziali siano mantenuti e più precisamente:

  • formazione del personale addetto alla classificazione (un grader ed un supervisore per ogni azienda).
  • che il sistema di rintracciabilità-controllo di produzione (FPC) sia mantenuto.

Sarà, pertanto necessario, che ogni azienda effettui:

  • formazione del Direttore Tecnico della Produzione (idoneo corso)
  • stesura del manuale di gestione del FPC, formazione del personale per la classificazione del legno massiccio e verifica dell’efficacia su 150 travi durante la normale produzione, verifica dell’implementazione del FPC e affiancamento durante l’ispezione.
  • ispezione direttamente in azienda da parte di un ente di loro scelta

Sull’argomento ricordiamo che Confartigianato Imprese ha organizzato, nel corso del 2009, un corso propedeutico alla marcatura Ce per legno strutturale, successivamente è stato individuato un organismo notificato in grado di assistere le imprese che richiedono di adempiere ai requisiti previsti dalla UNI EN 14081-1.

Organizziamo altresì corsi di formazione per qualifica di Direttore Tecnico di produzione (DTP), precisiamo che le imprese già in possesso di marcatura CE per legno strutturale, che eseguano particolari lavorazioni escluse dalla UNI EN 14081-1 (p.es travi uso Fiume, Trieste), possono ridurre il numero di ore previsto per il corso di DTP e procedere così alla comunicazione al Servizio Tecnico Centrale.

Ricordiamo che a partire dal 1 gennaio 2012, entrata in vigore della UNI EN 14081-1, coloro che sono ad oggi in regola con quanto previsto dal DM 14.01.08 (NTC), potranno :

  • Eseguire trasformazioni su legno lamellare
  • Produrre e trasformare travi uso Fiume e uso Trieste
  • Eseguire limitate trasformazioni su legno massiccio a sezione rettangolare

Tutti coloro che producono legno massiccio strutturale a sezione rettangolare o che eseguono trasformazioni sostanziale (riduzione della sezione maggiora di 10 mm su sezioni da 100 mm) dovranno obbligatoriamente mettersi in regola con quanto previsto dalla normativa europea.



Condividi

Recent Posts

© 2017 Confartigianato Imprese Cuneo - Via I Maggio, 8 - 12100 Cuneo - tel. 0171 451111 - Codice Fiscale 80000330045