Finalmente chiarezza sulle nuove norme per l’uso dei cavi

È stato finalmente chiarito il 27 luglio scorso, grazie alla richiesta di intervento ad un seminario da parte della Confartigianato Nazionale, degli esponenti del Consiglio Superiore dei lavori pubblici e del Ministero dell’interno, il decreto che consente l’impiego di cavi non CPR se immessi sul mercato prima del 1°luglio 2017.

Il seminario, il primo che si svolge sul tema con questi relatori, mette finalmente fine alla confusione alimentata nelle ultime settimane sui cavi.

Complice la conclusione del periodo di coesistenza della norma armonizzata relativa ai cavi, la EN 50575 (1 luglio 2017) e l’entrata in vigore del D. Lgs. 106/2017 prevista per il prossimo 9agosto si sono alimentati allarmismi non giustificati in merito, soprattutto, alla gestione delle scorte di magazzino e alla possibilità di rilasciare la dichiarazione di conformità degli impianti le caso di utilizzo di cavi non marcati CE ai sensi del regolamento prodotti da costruzione (CPR).

Tali prodotti possono quindi essere utilizzati senza limiti temporali non essendoci nessuna regola legislativa nazionale a carattere obbligatori contraria. Cade così la principale criticità che pareva ingessare il sistema.

Per approfondire l’argomento è stato redatto un sunto degli interventi della giornata che, con le precisazioni opportune, aiuterà, con grande chiarezza ad affrontare con serenità il lavoro programmato per i prossimi mesi.

Leggi la sintesi del seminario



Notizia pubblicata in: 

Condividi

Related Posts

© 2017 Confartigianato Imprese Cuneo - Via I Maggio, 8 - 12100 Cuneo - tel. 0171 451111 - Codice Fiscale 80000330045